Mammografia digitale dual energy (cesm): un’innovativa tecnologia per l’imaging del carcinoma mammario

    Publication Date
    Source Authors
    Source Title
    Source Issue
    Publication Date

    2017

    Source Authors

    • Maria Carmela Bentivegna – TSRM Dott. Libera professionista, Caltanissetta – Agrigento
    • Selene Vaccaro – TSRM Dott. Libera professionista, Caltanissetta – Agrigento

    Source Title

    Mammografia digitale dual energy (cesm): un’innovativa tecnologia per l’imaging del carcinoma mammario

    Source Issue

    Radiologia&Futuro

    Numero 3, Volume XV

    Page Range: 1048-1050

    Descrizione generale del contesto scientifico in cui si colloca il contributo da schedare
    L’articolo redatto pone l’attenzione sulla diagnosi del carcinoma mammario eseguita con la mammografia digitale. Tale tecnica è il metodo più importante per lo screening del carcinoma mammario anche se la sensibilità e la specifici- tà delle immagini è influenzata da alcuni fattori, per questo motivo viene proposta la nuova tecnologia Contrast Enhanced Spectral Mammography che riduce gli errori nella diagnosi di tale patologia.
    La mammografia rappresenta l’esame gold-standard per la diagnosi del carcinoma mammario che oggi è la neoplasia più frequente, presentando dei limiti dati proprio dal basso contrasto intrinseco della mammella e dalla possibilità di mascheramento di alcune lesioni tumorali, soprattutto nei seni densi. L’innovazione dell’articolo infatti si focalizza sulla proposta di una nuova tecnica la CESM (CONTRAST ENHANCED SPECTRAL MAMMOGRAPHY) che introduce l’utilizzo di mezzo di contrasto iodato in ambiente mammografico digitale. Tale tecnica è riservata ad una casistica limitata di pazienti con recidiva e particolari caratteristiche tumorali (dimensioni lesione, forma, vascolarizzazione). L’utilizzo di mdc in mammografia, permette di identificare la massa tumorale nella ghiandola mammaria. SenoBright della General Elettric è il primo strumento che sfrutta i vantaggi della di tale tecnica. L’esame è molto simile a quello standard con l’unica differenza dell’utilizzo del mezzo di contrasto, la vera differenza risiede in un miglioramento della sensibilità. Tale tecnica ci permette di ottenere delle informazioni aggiuntive che prima era possibile ottenerle solo con un esame RM.I vantaggi offerti dalla tecnica CESM sono rappresentati dalla semplicità e rapidità della metodica, dalla bassa dose somministrata, dalla bassa invasività e dall’immediatezza dei risultati.La tecnica potrebbe essere una valido ausilio per il completamento di una mammografia convenzionale dubbia.

    L’elaborato si articola in diverse parti. Nella prima parte viene presentata la tecnica gold-standard per la diagnosi del carcinoma della mammella e viene proposta una nuova tecnica( CESM) che presenta una maggiore sensibilità nel diagnosticare tale patologia. Nella seconda parte viene spiegata nel dettaglio l’esecuzione di tale tecnica e l’acquisizione delle immagini con mdc. In seguito si delinea l’importanza nell’esecuzione di tale esame del tecnico di radiologia in collaborazione con l’infermiere e il radiologo. Infine l’autore sottolinea come tale tecnica può essere una valida alternativa all’esame standard in casi dubbi.