PET / MRI dell’aterosclerosi

    Publication Date
    Source Authors
    Source Title
    Source Issue
    Publication Date

    2020

    Source Authors

    Contro Aizaz M.Moonen RPvan der Pol JAPrieto C.Botnar RMEline Kooi M

    Source Title

    PET / MRI dell’aterosclerosi

    Source Issue

    Diagnosi e terapia cardiovascolare

    4

    Page Range: 9-13

    L’infarto miocardico e l’ictus sono le cause globali più diffuse di morte. Ogni anno 15 milioni di persone nel mondo muoiono a causa di infarto miocardico o ictus. La rottura di una placca aterosclerotica vulnerabile è la principale causa sottostante di ictus e infarto miocardico. Le caratteristiche principali di una placca vulnerabile sono l’infiammazione, un grande nucleo necrotico ricco di lipidi (LRNC) con un cappuccio fibroso sovrastante sottile o rotto ed emorragia intraplaque (IPH). L’imaging non invasivo di queste caratteristiche potrebbe avere un ruolo nella stratificazione del rischio di infarto miocardico e ictus e può essere potenzialmente utilizzato per la guida e il monitoraggio del trattamento. Il recente sviluppo della PET / MRI ibrida che combina il contrasto superiore dei tessuti molli della MRI con l’opportunità di visualizzare le caratteristiche specifiche della placca utilizzando vari traccianti radioattivi, apre la strada all’imaging completo della placca. In questa recensione, viene discusso l’uso della PET / MRI ibrida per l’imaging della placca aterosclerotica nelle arterie carotidee e coronarie. Vengono esaminati i pro e i contro dei diversi sistemi ibridi PET / MRI. Vengono descritte le sfide nello sviluppo della PET / MRI e le potenziali soluzioni.

    Viene fornita una panoramica delle tecniche di acquisizione PET e MRI per l’imaging dell’aterosclerosi, inclusa la correzione del movimento, seguita da un riepilogo degli studi PET / MRI di imaging della parete del vaso in pazienti con malattia carotidea e coronarica. Infine, viene discusso il futuro dell’imaging dell’aterosclerosi con PET / MRI. Vengono descritte le sfide nello sviluppo della PET / MRI e le potenziali soluzioni. Viene fornita una panoramica delle tecniche di acquisizione PET e MRI per l’imaging dell’aterosclerosi, inclusa la correzione del movimento, seguita da un riepilogo degli studi PET / MRI di imaging della parete del vaso in pazienti con malattia carotidea e coronarica.

    References

    1. Lusis AJ. Aterosclerosi. Nature 2000; 407: 233-41.
    2. Organizzazione mondiale della Sanità. Malattie cardiovascolari (CVD). 2017. Disponibile online: http://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/cardiovascular-diseases-(cvds). Accesso 4 settembre 2019.
    3. Benjamin EJ BM, Chiuve SE, Cushman M, et al. Statistiche 2017 su malattie cardiache e ictus in breve. 2017.
    4. Goldbourt U, Neufeld HN. Aspetti genetici dell’arteriosclerosi. Arteriosclerosi 1986; 6: 357-77.
    5. Assmann G, Cullen P, Jossa F, et al. Malattia coronarica: ridurre il rischio. Arterioscler Thromb Vasc Biol 1999; 19: 1819-24.
    6. Cunningham KS, Gotlieb AI. Il ruolo dello shear stress nella patogenesi dell’aterosclerosi. Lab Invest 2005; 85: 9-23.
    7. Traub O, Berk BC. Stress di taglio laminare – Meccanismi mediante i quali le cellule endoteliali trasducono una forza ateroprotettiva. Arterioscler Thromb Vasc Biol 1998; 18: 677-85.
    8. Libby P. Infiammazione nell’aterosclerosi. Nature 2002; 420: 868-74.
    9. Sluimer JC, Daemen MJ. Nuovi concetti nell’aterogenesi: angiogenesi e ipossia nell’aterosclerosi. J Pathol 2009; 218: 7-29.
    10. Sluimer JC, Gasc JM, van Wanroij JL, et al. L’ipossia, il fattore di trascrizione inducibile dall’ipossia e i macrofagi nelle placche aterosclerotiche umane sono correlati con l’angiogenesi intraplaque. J Am Coll Cardiol 2008; 51: 1258-65.
    11. Parma L, Baganha F, Quax PHA, et al. Angiogenesi a placche ed emorragia intraplaque nell’aterosclerosi. Eur J Pharmacol 2017; 816: 107-15.
    12. Crombag GA, Schreuder F, van Hoof RHM, et al. Microvascolarizzazione e emorragia intraplaque nelle lesioni carotidee aterosclerotiche: uno studio di risonanza magnetica cardiovascolare. J Cardiovasc Magn Reson 2019; 21:15.
    13. Nuovo SE, Goettsch C, Aikawa M, et al. Vescicole di matrice derivate da macrofagi: un nuovo meccanismo alternativo per la microcalcificazione nelle placche aterosclerotiche. Res Circ 2013; 113: 72-7.
    14. Kapustin AN, Davies JD, Reynolds JL, et al. Il calcio regola i componenti chiave delle vescicole della matrice derivate dalle cellule muscolari lisce vascolari per migliorare la mineralizzazione. Ricerca Circ 2011; 109: e1-12.
    15. Vancraeynest D, Pasquet A, Roelants V, et al. Immaginare la placca vulnerabile. J Am Coll Cardiol 2011; 57: 1961-79.
    16. Virmani R, Kolodgie FD, Burke AP, et al. Lezioni dalla morte coronarica improvvisa – Uno schema di classificazione morfologica completo per le lesioni aterosclerotiche. Arterioscler Thromb Vasc Biol 2000; 20: 1262-75.
    17. Ammirati E, Moroni F, Norata GD, et al. Marcatori di infiammazione associati alla progressione della placca e all’instabilità nei pazienti con aterosclerosi carotidea. Mediatori Inflamm 2015; 2015: 718329.
    18. Matz O, Nikoubashman O, Rajkumar P, et al. Classificazione della stenosi dell’arteria carotide interna prossimale (ICA) mediante ecografia Doppler / duplex (DUS) e angiografia tomografica computerizzata (CTA): correlazione e affidabilità dell’interratore nella pratica della vita reale. Acta Neurol Belg 2017; 117: 183-8.
    19. Rothwell PM, Eliasziw M, Gutnikov SA, et al. Endarteriectomia per stenosi carotidea sintomatica in relazione a sottogruppi clinici e tempistica dell’intervento. Lancet 2004; 363: 915-24.
    20. Schindler A, Schinner R, Altaf N, et al. Previsione del rischio di ictus mediante rilevamento di emorragia nelle placche carotidee: meta-analisi dei dati dei singoli pazienti. JACC Cardiovasc Imaging 2020; 13: 395-406.
    21. Kelly PJ, Camps-Renom P, Giannotti N, et al. Infiammazione della placca carotidea rappresentata da (18) tomografia a emissione di positroni F-fluorodeossiglucosio e rischio di ictus ricorrente precoce. Corsa 2019; 50: 1766-73.