Risonanza magnetica in ortostatismo

    Publication Date
    Source Authors
    Source Title
    Source Issue
    Publication Date

    2017

    Source Authors

    • ALESSIA FAUSTI, TSRM Dott.ssa presso Centro Polispecialistico e Diagnostico Comedica ,Terni.

    Source Title

    Risonanza magnetica in ortostatismo

    Source Issue

    Radiologia&Futuro

    NUMERO 3, VOLUME XV

    Page Range: 1040-1042

    L’articolo si colloca nel contesto scientifico della diagnostica per immagini, in particolar modo pone l’attenzione sull’importanza degli studi eseguiti con la tecnica di Risonanza Magnetica in ortostatismo che può aggiungere informazioni fondamentali all’esame standard.
    La Risonanza Magnetica grazie all’evoluzione tecnologica sta acquisendo sempre di più un maggior rilievo nella valutazione delle principali patologie dell’apparato muscolo scheletrico in quanto unisce l’assenza di radiazioni alla possibilità di utilizzare sequenze sempre più performanti e di alto valore diagnostico. L’innovazione ha superato i limiti di tale tecnica permettendo di avere dei tempi più brevi, una maggiore risoluzione delle sequenze e un maggiore confort per paziente grazie al grande allo sviluppo di magneti aperti, che limitano quindi la sensazione di claustrofobia. L’originalità del lavoro risiede nel valutare ed esaltare la RM G-Scan Brio Premium installata presso il centro polispecialistico Comedica di Terni unisce al confort di un magnete completamente aperto, la rivoluzionaria possibilità di studiare articolazioni e colonna vertebrale con acquisizioni cinematiche e sotto carico in ortostatismo. Infatti, così come accade in radiologia tradizionale, è possibile andare ad eseguire un esame valutando sia il paziente durante uno specifico movimento responsabile della sindrome dolorosa, sia quando è sottoposto al carico fisiologico, aggiungendo alle informazioni ricavabili in RX importanti considerazioni dei tessuti muscolari e dei legamenti. La risonanza magnetica in ortostatismo rappresenta un grande passo avanti nella tecnologia e nell’imaging muscolo-scheletrico in quanto confrontando le immagini si evidenzia come, nella maggior parte dei casi, le immagini ottenute sotto carico fisiologico mostrino un’accentuazione del reperto patologico, limitando quindi i casi di “falsi negativi” in tutte quelle condizioni di marcata sintomatologia dolorosa a cui non corrisponde evidente alterazione alla RM in clinostatismo.
    L’elaborato si articola in tre parti principali. La prima parte introduce la risonanza magnetica in ortostatismo G-Scan Brio Premium installata presso il centro polispecialistico Comedica di Terni e sottolinea le innovazioni introdotte. La seconda parte entra nel dettaglio nella spiegazione tecnica dell’esecuzione di un esame RM in ortostatismo e le relative caratteristiche di tale tecnica. In fine vengono poste le considerazioni finali e la validità di tale tecnica.