Tecniche avanzate di risonanza magnetica cardiaca, per la valutazione della valvola sinistra nella cardiopatia

    Publication Date
    Source Authors
    Source Title
    Source Issue
    Publication Date

    2017

    Source Authors

    Carmen P.S. Blanken, MS, Emile S. Farag, S. Matthijs Boekholdt, Tim Leiner, MD, PhD, Jolanda Kluin, Aart J. Nederveen, PhD, Pim van Ooij, and R. Nils Planken

    Source Title

    Tecniche avanzate di risonanza magnetica cardiaca, per la valutazione della valvola sinistra nella cardiopatia

    Source Issue

    J. MAGN. RESON. IMAGING

    48

    Page Range: Pag 318-329

    In questa recensione vengono evidenziate le potenzialità della risonanza magnetica e le funzionalità all’avanguardia, inclusa la risonanza magnetica a flusso 4D, la mappatura dei tessuti e la quantificazione della deformazione per la diagnosi e prognosi del VHD sinistro.
    La risonanza magnetica cardiaca (MRI) e l’ecocardiografia sono modalità di imaging non invasive che rivestono fondamentale importanza nella pratica clinica quotidiana per la diagnosi, la prognosi e la pianificazione del trattamento nei pazienti con cardiopatia valvolare sinistra (VHD) . Le tipologie più comuni di VHD sinistra nel mondo occidentale sono stenosi della valvola aortica (AS), rigurgito della valvola aortica (AR) e rigurgito della valvola mitrale (MVR), con prevalenze stimate rispettivamente dello 0,4%, 0,5% e 1,7%. L’ AS è la maggior parte spesso causato dalla calcificazione degenerativa della valvola aortica, mentre l’AR può derivare dall’irrigidimento della valvola dovuto a calcificazione, ma può anche derivare da endocardite della valvola aortica o dilatazione dell’anello aortico. L’MVR è generalmente diviso in due categorie: MVR organico primario, che si verifica come un risultato di una valvola mitrale intrinsecamente anormale e MVR funzionale, che si sviluppa dal ventricolare secondario a quello sinistro Disfunzione (LV) o dilatazione anulare che proibisce la normalità chiusura della valvola. AS, AR e MVR possono portare a LV
    rimodellamento e infine insufficienza cardiaca a causa della pressione del ventricolo sinistro e / o sovraccarico di volume.
    La RM cardiaca è lo standard di riferimento per la quantificazione di volumi, massa e funzioni ventricolari ed è a strumento di grande valore e riproducibile nell’armamentarium diagnostico per VHD, permettendo inoltre la visualizzazione dettagliata del flusso e la quantificazione dei biomarcatori relativi al flusso nella VHD Risonanza magnetica a flusso 4D, una tecnica di imaging in grado di misurare il flusso sanguigno in tre direzioni ortogonali nel tempo. Inoltre, recenti sequenze di risonanza magnetica consentono la caratterizzazione del tessuto miocardico e l’analisi della deformazione.
    Le immagini sono in genere ottenute utilizzando tecniche di risonanza magnetica risolte nel tempo (cine), che consentono l’imaging mirato di tutte le valvole cardiache e le strutture del miocardio durante la
    ciclo cardiaco. Inoltre, l’angiografia MR (MRA) consente per la valutazione di grandi vasi come l’aorta, con o senza l’uso di agenti di contrasto. Tuttavia, per indagare quale i meccanismi emodinamici guidano la progressione della malattia nella VHD.

    BIBLIOGRAFIA

    1. Baumgartner H, Falk V, Bax JJ, et al. 2017 ESC/EACTS Guidelines for the management of valvular heart disease. Eur Heart J 2017;38: 2739–2786.
    2. Chambers JB, Myerson SG, Rajani R, Morgan-Hughes GJ, Dweck MR. Multimodality imaging in heart valve disease. Open Heart 2016;3: e000330.
    3. Myerson SG. Heart valve disease: investigation by cardiovascular magnetic resonance. J Cardiovasc Magn Reson 2012;14:7.
    4. Nkomo VT, Gardin JM, Skelton TN, Gottdiener JS, Scott CG, Enriquez-Sarano M. Burden of valvular heart diseases: a population-based study. Lancet 2006;368:1005–1011.
    5. Wollersheim LW, Li WW, De Mol BA. Current status of surgical treatment for aortic valve stenosis. J Card Surg 2014;29:630–637.
    6. Levine RA, Hagége AA, Judge DP, et al. Mitral valve disease-morphology and mechanisms. Nat Rev Cardiol 2015;12: 689–710.
    7. Grothues F, Smith GC, Moon JC, et al. Comparison of interstudy reproducibility of cardiovascular magnetic resonance with two-dimensional echocardiography in normal subjects and in patients with heart failure or left ventricular hypertrophy. Am J Cardiol 2002;90:29–34.
    8. Allen BD, Syed AA, Bollache E, et al. Cardiovascular MRI in thoracic aortopathy: a focused review of recent literature updates. Curr Radiol Rep 2017 Oct;5:50.
    9. Chitiboi T, Axel L. Magnetic resonance imaging of myocardial strain: A review of current approaches. J Magn Reson Imaging 2017;46: 1263–1280.