Il ruolo del TSRM e del TSLB nella ricerca preclinica: studio dello stress cronico nella crescita e angiogenesi tumorale


Authors
Pub.Info
Authors

Authors:

Raiano N. (2), Barbieri A. (1), Luciano A. (1), Raiano C. (2), Raiano V., Mazio F. (2),
(1) IRCCS Istituto Nazionale Tumori Fondazione G.Pascale, Research Department, Naples, Italy
(2) IRCCS Istituto Nazionale Tumori Fondazione G.Pascale, Radiology Division, Naples, Italy

Pub.Info

Pubblication Date: 2019-10
Printed on: Volume 1, Special Issue - I Congresso FNO TSRM PSTRP

INTRODUZIONE

Nella ricerca preclinica, l’approccio multidisciplinare ha una notevole rilevanza al fine del raggiungimento degli esiti in uno studio traslazionale.
L’importanza di utilizzare modelli animali di patologia, nella fattispecie modelli oncologici, ci permette di studiare tale patologia dal punto di vista olistico.
L’impiego di tecnologie diagnostiche sia radiologiche, sia laboratoristiche, consente di effettuare studi longitudinali sullo stesso campione riducendo il numero di animali utilizzati e nello stesso tempo di ridurre l’errore casuale e sistematico.
Studio dello stress cronico nella crescita e angiogenesi tumorale implementando l’approccio multidisciplinare tra il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica e il Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico, a supporto della SSD Sperimentazione Animale.

MATERIALI E METODI

Per effettuare tale studio, sono stati utilizzati 30 topi immunocompetenti, (C57BL/6), iniettati con cellule di Melanoma Murino (B16F10).
Essi sono stati sottoposti a Risonanza Magnetica (MRI) a 1,5 Tesla (Magnetom Symphony), Syngo MR 2002 B, Siemens, ERLANGEN, Germania; una bobina phased-array.
In tale studio, previa anestesia intraperitoneale dal TSLB, sono state utilizzate sequenze:
SE T1 pesata pre-contrasto, sul piano sagittale e coronale;
TSE T2 pesata sul piano coronale.
Successivamente vengono acquisite immagini:T1 pesata in coronale e sagittale dopo iniezione endovenosa di 300 microL di mezzo di contrato paramagnetico medio-positivo (Gadolinio, OmniScan; GE HealthCare, Oslo, Norvegia).
Il tempo totale di esecuzione dell’esame è di circa 15 minuti.
Il TSLB specializzato in ricerca preclinica, ha effettuato le misurazioni dei volumi tumorali con un calibro per stimare l’andamento della crescita tumorale confrontandolo con quello stimato con la MRI.

RISULTATI E CONCLUSIONI

I risultati mostrati sono di 4 esperimenti indipendenti. Tale studio ha permesso di valutare dettagliatamente la crescita e l’angiogenesi tumorale rispetto alla misurazione con il solo calibro digitale, confermata anche dalla analisi per immunoistochimica, per VEGFA, eseguite dal TSLB e dimostrando per la prima volta il ruolo dello stress cronico, indotto attraverso immobilizzazione fisica agente sull’asse Ipotalamo – Ipofisi – Surrene, sulla crescita e sull’aumento della neo-angiogenesi tumorale.

  1. Antoni, M. H., Lutgendorf, S. K., Cole, S. W., Dhabhar, F. S., Sephton, S. E., McDonald, P. G., … Sood, A. K. (2006). The influence of bio-behavioural factors on tumour biology: Pathways and mechanisms. Nature Reviews Cancer, 6(3), 240–248. https://doi.org/10.1038/nrc1820
  2. Ignarro, L. J. (2002). Nitric oxide as a unique signaling molecule in the vascular system: A historical overview. Journal of Physiology and Pharmacology, 53(4 I), 503–514.
  3. Thaker, P. H., Han, L. Y., Kamat, A. A., Arevalo, J. M., Takahashi, R., Lu, C., … Sood, A. K. (2006). Chronic stress promotes tumor growth and angiogenesis in a mouse model of ovarian carcinoma. Nature Medicine, 12(8), 939–944. https://doi.org/10.1038/nm1447