Competenze giuridiche del fisioterapista e dell’osteopata


Authors
Pub.Info
Authors

Authors:

Castioni Marco Agostino, Rinaldo Pasquale

Pub.Info

Pubblication Date: 2019-10
Printed on: Volume 1, Special Issue - I Congresso FNO TSRM PSTRP

INTRODUZIONE

Con l’evoluzione normativa degli ultimi anni, il panorama sanitario è notevolmente mutato. La rivoluzione giuridica della responsabilità professionale in ambito sanitario, ha di fatto creato l’esigenza di definire figure sanitarie specifiche e preparate a livello giuridico, che inserite in un dibattito giurisprudenziale abbiano a garantire al giudice un supporto di alto livello tecnico.

OBIETTIVI

Pertanto l’evoluzione giuridica delle Professioni Sanitarie, l’individuazione di nuove figure sanitarie, la crescita delle competenze, l’assunzione di maggior responsabilità nel processo assistenziale, curativo e riabilitativo, oltre alla maggior presa di coscienza dei propri diritti da parte degli assistiti e la richiesta in ambito giudiziario di aver un interlocutore sanitario giuridicamente preparato, hanno fatto nascere l’esigenza di introdurre una specializzazione che ponesse l’obiettivo di studiare gli aspetti giuridici e legali correlati alle attività preventive, valutative, terapeutiche, riabilitative, abilitative e palliative posti in essere dai vari operatori sanitari.

MATERIALI E METODI

Poiché il quadro normativo relativo alla responsabilità sanitaria e la definizione dei profili professionali, con relativi programmi formativi, sono stati uniformati per tutte le professioni sanitarie a livello Universitario, ciò ha di fatto richiesto anche in ambito legale e forense la formazione di percorsi formativi specifici e specialistici anche per altre figure professionali tipo il fisioterapista.

Sicuramente tale formazione specialistica legale e forense dovrà inevitabilmente essere calibrata anche per la nuova figura sanitaria, l’osteopata, che al momento è in attesa dei decreti attuativi in tema di formazione ed equipollenza. Quando il quadro normativo farà chiarezza su chi potrà esercitare, insegnare e quale sarà il profilo professionale definitivo dell’Osteopata, solo a quel punto si potrà istituire anche la formazione post-base specialistica legale e forense.

RISULTATI E CONCLUSIONI

Di conseguenza le visioni filosofiche e tecniche di queste due categorie di professionisti sono molto distanti e, meritevoli di attenzione e di particolare considerazione qualora si debba essere chiamati a valutare l’operato del professionista che nell’agire abbia dato adito a eventuale contestazione. Questo aspetto è molto importante in quanto solo coloro che conoscono sia la materia giuridica che la materia scientifica possono comprendere fino in fondo l’esigenza di avere in ambito giuridico un collegamento diretto con la materia fisioterapica e osteopatica. Infatti per poter essere giudicati è inderogabile che la valutazione venga fatta da professionisti del settore specialistico sanitario interessato nel procedimento, ma solo se possiedono un bagaglio di competenze specialistiche anche in ambito legale e forense. I due aspetti sono imprescindibili l’uno dall’altro.