Tessuto connettivo, edema e dolore: approccio con la vibrazione micro-compressiva


Authors
Pub.Info
Authors

Authors:

Crudeli Matteo

Pub.Info

Pubblication Date: 2019-10
Printed on: Volume 1, Special Issue - I Congresso FNO TSRM PSTRP

INTRODUZIONE

Negli ultimi anni è stata rivisitata la macro e micro-anatomia del tessuto connettivo. La sintomatologia dell’edema potrebbe infatti essere considerata una manifestazione della patologica funzionalità del tessuto connettivo.

OBIETTIVI

Lo scopo di questo studio è valutare la correlazione tra lo sviluppo dell’edema e il dolore e l’efficacia di un trattamento specifico connettivale.

MATERIALI E METODI

Sono stati reclutati 22 soggetti femminili con un punteggio CEAP (classification of chronic venous disease scale) tra 1 e 3. Il gruppo di studio è stato sottoposto ad un protocollo riabilitativo incentrato su trattamento dell’edema, studiando sia la sua riduzione che il suo rapporto con il dolore. Le pazienti sono state sottoposte a trattamento di vibrazione micro-compressiva per un totale di sei sessioni ad entrambi gli arti inferiori, due volte alla settimana, per 3 settimane consecutive. I pazienti sono stati sottoposti a tempo T0 (baseline), a tempo T1 (dopo ogni seduta di trattamento) ed a tempo T2 (dopo l’intero protocollo riabilitativo) ad una valutazione del dolore e della sintomatologia edematosa. Per la valutazione del dolore sono stati identificati quattro muscoli (muscolo piriforme, vasto laterale, gastrosoleo e quadrato plantare) utilizzando l’algometro di Fisher (al tempo T0 e a tempo T1) e la scala analogica visiva (al tempo T0 ed a tempo T2), per identificare le variazioni della soglia e della percezione del dolore. Questi muscoli sono stati scelti per la parte che svolgono nello sviluppo dell’edema e le loro implicazioni nella sintomatologia del dolore, nonché per il loro ruolo centrale nella propulsione dei fluidi del sistema linfatico e venoso. Inoltre, ai pazienti è stato chiesto di compilare un test soggettivo di percezione della sintomatologia edematosa sviluppato ad hoc a tempo T0 e T2.

RISULTATI E CONCLUSIONI

I risultati hanno dimostrato una riduzione sia della percezione soggettiva della sintomatologia edematosa che della sintomatologia dolorosa. Nel punteggio della scala analogica visiva è stata registrata una riduzione percentuale media del 17,8% mentre per quanto concerne l’algometro è stato valutato un aumento della soglia percettiva del dolore variabile dal 10,6% (T0) al 42,2%(T2).

In conclusione, i risultati mostrano una possibile relazione tra lo sviluppo dell’edema e la sintomatologia dolorosa. Tale relazione è a supporto dell’ipotesi che un trattamento del tessuto connettivo potrebbe consentire un miglioramento di entrambe queste condizioni cliniche e sintomatologiche.