Impatto della tecnica di esecuzione sui richiami a sei mesi nello screening mammografico


Authors
Pub.Info
Authors

Authors:

Monaco Ilaria Pia, Argese Domenica Caterina

Pub.Info

Pubblication Date: 2019-10
Printed on: Volume 1, Special Issue - I Congresso FNO TSRM PSTRP

INTRODUZIONE

Lo screening mammografico, eseguito a tappeto su una popolazione considerata a rischio, ha lo scopo di diagnosticare precocemente patologie mammarie. La tecnica di esecuzione risulta fondamentale per evitare falsi positivi con conseguente riduzione dell’allarmismo nelle pazienti richiamate per approfondimenti. Analizzeremo i richiami a sei mesi dovuti ad immagini sospette nella nostra esperienza e valuteremo quanto la tecnica di esecuzione abbia influito su di essi.

OBIETTIVI

Valutazione degli errori tecnici al fine di ridurre i richiami a breve termine nello screening mammografico.

MATERIALI E METODI

-Raccolta di 30 pazienti richiamati a sei mesi per proiezioni aggiuntive;

-valutazione della correttezza tecnica delle immagini mediante l’utilizzo della scheda POGMIIR proposta dalla regione Emilia-Romagna;

-confronto tra le immagini della mammografia di base e quelle dei richiami con valutazione dell’influenza dell’esecuzione tecnica sulle stesse.

RISULTATI E CONCLUSIONI

Una tecnica standardizzata, con l’obiettivo di ridurre false immagini, consente di ottimizzare le risorse economiche riducendo i falsi positivi e aumenta la compliance delle pazienti che non vengono richiamate ad effettuare ulteriori controlli potenzialmente evitabili.