Implementazione dell’Intelligenza Artificiale nella Cardio RM


Authors
Pub.Info
Authors

Authors:

Martini Chiara

Pub.Info

Pubblication Date: 2019-10
Printed on: Volume 1, Special Issue - I Congresso FNO TSRM PSTRP

INTRODUZIONE

La cardiomiopatia dilatativa è una malattia del miocardio, che va a colpire prevalentemente il ventricolo sinistro e causa un ingrossamento del miocardio. Questa malattia può essere studiata con la risonanza magnetica cardiaca, con sequenze con e senza il mezzo di contrasto, con ottimi risultati. Negli ultimi decenni l’intelligenza artificiale è cresciuta esponenzialmente, entrando nell’ambito della quotidianità ma anche in ambito medico, permettendo una diminuzione delle tempistiche di lavoro, un aumento dell’accuratezza diagnostica ed una diminuzione dei costi.

OBIETTIVI

L’obiettivo di questo studio denominato CORELAB, un sottogruppo dello studio denominato DERIVATE, del Centro Cardiologico Monzino, è quella di andare a fare un’analisi di pazienti con cardiomiopatia dilatativa con un software di Machine Learning e valutare il ruolo e la capacità di persone che non hanno confidenza con software di questo tipo e con immagini cardiologiche di Risonanza Magnetica, e valutare le tempistiche in cui è fatta l’analisi di un paziente.

MATERIALI E METODI

È stato utilizzato un computer su cui era installato un software di post-processing e machine learning, con cui sono state analizzate immagini di Risonanza Magnetica Cardiaca. Le immagini analizzate erano immagini sul piano 2 Camere Asse Corto, immagini sul piano 2 Camere Asse Lungo, immagini sul piano 4 Camere Asse Lungo, immagini sul piano 3 Camere, immagini sul piano L-Vot ed immagini di Late Enhancement.

RISULTATI E CONCLUSIONI

Questo tipo di software di Machine Learning, andrà ad analizzare i valori funzionali cardiaci in un tempo compatibile con i tempi clinici (2 ore circa) ed aiuterà i medici per definire una diagnosi ed una prognosi, migliorando la cura del paziente. Quindi, una volta che questo software sarà completato, avrà un ruolo fondamentale nella valutazione della cardiomiopatia dilatativa, per una migliore diagnosi e prognosi precoce del paziente.